lunedì 30 marzo 2009

Sono una maratoneta


Sono vestita come un preservativo. Bustone bianco e cappuccetto blu. Non ha smesso di piovere da sabato pomeriggio e io mi continuo a domandare chi cavolo me l'ha fatto fare. Poi mi guardo intorno. Un muro di gente, avvoltolata in chilometri di plastica che aspetta lo sparo di inizio. Ok, almeno sono in buona compagnia.
La gara inizia, faccio partire l'i-pod, un passo dopo l'altro. In due secondi le mie Nike diventano uno stagno per le paperelle. Le sensazioni sono buone, le gambe rispondono bene, anche se per i primi chilometri scatarro che è un piacere. Sui lati della strada la gente è assiepata, tifo da stadio, con tanto di clack e trombette. Mi godo le urla di incoraggiamento, i bambini che ti danno il cinque.
Al sesto chilometro un signore si incolla al mio fianco. Si chiama Daniele, ha 61 anni ed è anche per lui la prima maratona. Ci accordiamo per correre insieme, gli piace il mio passo regolare.
Il tempo passa, i piedi macinano metri su metri. La prima crisi al sedicesimo. La respirazione si fa più faticosa, apro la bocca per incamerare aria. Sulla lingua sento il sapore del sudore e della pioggia. Mi dico che è normale, che mi succede sempre, anche in allenamento. Mi concentro sulla linea di mezzeria, che diventa il mio filo di Arianna. Al venticinquesimo la situazione si normalizza. La respirazione torna fluida. Daniele mi parla, mi racconta dei suoi amici che hanno deciso di rimanersene a letto quando hanno visto tutta quella pioggia.
Passiamo alcuni paesini. Qui il tifo si fa ancora più intenso. Davanti a un bar un gruppo di ragazzi di colore improvvisa un mini concerto reggae. Mi sento davvero bene. L'asfalto corre sotto i miei piedi, lucido di pioggia. Riesco perfino a godermi l'architettura della parrocchia di Ponte della Priula.
Finalmente arriviamo al Piave. E' imponente. Una distesa di fango e acqua. La mia mente fa le capriole, immagini di guerra e soldati bagnati spolti, come me in questo momento.
Al trentaduesimo chilometro Daniele mi abbandona. E' troppo stanco e decide di cominciare a camminare. Io proseguo, mi impongo di correre per almeno altri 3 chilometri, fino al prossimo rifornimento. Ora le gambe sono rigide e ghiacciate. La pioggia ha completamente inzuppato il k-way. Sento l'acqua che scorre a rivoli giù per la schiena, che riga il viso, che si raccoglie nelle scarpe. Comincio a vedere i primi ritirati ai lati della strada, intirizziti, in attesa della "scopa". Mi impongo di pensare un chilometro alla volta. Manca poco. Non voglio mollare. Lo faccio per me, per la weazel, per dimostrare a me stessa che posso portare a termine questa avventura.
Al trentaseiesimo decido di alternare corsa e camminata. Due minuti al passo e di corsa fino al chilometro successivo. Alcuni podisti mi passano accanto e mi urlano parole di incitamento. Dai manca poco, non cedere.
Al tentottesimo ricomincio a correre. Le gambe magicamente mi si sballano, rispondono una meraviglia. Il fiato c'è. Entriamo a Treviso. Come dei sopravvissuti. Le strade sono completamente allagate, ma ormai ci siamo. Riesco perfino ad accelerare l'andatura. La weazel mi aspetta a 10 metri dall'arrivo. Esulta con me. Mani verso il cielo, verso il cronometro. Piccolo delirio di onnipotenza. Per un attimo mi sembra di poter fare tutto. Pura felicità, che va oltre la stanchezza. Per una volta sono davvero fiera di quello che ho fatto.

PRIMA MARATONA: 4H 16MIN 52SEC

GRAZIE! LE VOSTRE PAROLE DI INCORAGGIAMENTO SONO STATE PREZIOSE NEI MOMENTI DI DIFFICOLTA'

39 commenti:

  1. Wow! Fra che bello sei Grande infatti ieri ti pensavo... Pensavo uffà come da sua previsone diluvia... ma ce l'hai fatta ugualmente .. il tuo racconto mi ha emozionato..mi sentivo li anche io! immagino la soddisfazione! Evvaiiii 1-0 per la Fra..
    Un Baciotto

    RispondiElimina
  2. Grande FRAAAA !!!!!!!
    Ci hai fatto correre lì con te (e, per un po', con Daniele), anche se un po' più asciuttini :-D
    Il tempo mi pare veramente niente male per essere la prima maratona (tra l'altro con la tosse e la pioggia, che amplifica ancora di più quella sensazione di freddo che ti percorre la schiena e ti gela i piedi). E poi ti fa perdere anche un po' di attrito rallentandoti.
    Veramente BRAVISSIMA, CAMPIONESSA !!!!!!

    RispondiElimina
  3. Fra ti faccio i miei complimenti, il tuo racconto è stato davvero avvincente e non ti nego che alla fine ho trionfato insieme a te sapendo che hai tenuto duro e hai raggiunto il tuo obiettivo, brava!
    Ti abbraccio,

    Sara

    RispondiElimina
  4. COMPLIMENTISSIMI!!
    che carica che hai, sono davvero ammirata! brava!

    RispondiElimina
  5. FIERISSIMA di te tesora!
    Anch'io in montagna, mentre nevicava, pensavo alla tua fatica...bravissima!
    bacioni

    RispondiElimina
  6. Mitica!!!!! :)

    (e mi sono pure commossa...ecco!) Smack!

    RispondiElimina
  7. SEI UNA GRANDE! E te lo vorrei urlare sulla faccia!!! Ti ho pensato ieri, a come avresti fatto sotto tutta quella pioggia, ma ti ripeto sei una grande, oggi vai in giro fiera di te stessa!!! Un bacio

    RispondiElimina
  8. Wow complimenti! Anche io corro, però è una passione recente ed i miei traguardi sono ancora nulla confronto allo sforzo che ti sei imposta e che hai raggiunto con questo bellissimo risultato! Alle volte mi capita di pensare che un giorno anche io riuscirò a partecipare a qualcosa di così impegnativo... lo spero davvero! Io sono letteralmente rinata con la corsa e se penso alla mia vita un anno fa non la sento più mia... Una curiosità: che tipo di allenamento fai?
    Complimentissimi ancora! Magari alla prossima mi unisco anche io a te e al signor Daniele!
    Ciao!
    Fra

    RispondiElimina
  9. Piacere Fra e complimenti davvero! Ammiro chi ha questa grande forza di volontà.. i miei svariati tentativi di corsa si arrestano sempre davanti ad una giornata di pioggia... :)

    RispondiElimina
  10. bravissima, tenace, sgace e dosatrice eccellente delle tue forze

    RispondiElimina
  11. La prima Maratona con quel clima vale doppio, bravissima sono certo che presto darai compagnia a quella medaglia.
    E' anche un buon tempo!

    RispondiElimina
  12. wow! ti ammiro moltissimo..io non ce la potrei mai fare!

    RispondiElimina
  13. Complimentissimi!!! Non sai quanto ti ammiro...
    Il racconto è bellissimo, sembra di averla percorsa assieme a te questa maratona (solo senza faticare!).
    Bravissima e buon pomeriggio!

    RispondiElimina
  14. ma che bello!!!!!!!
    COMPIMENTI!!!!!BRAVA!!!!!!!!!!!!
    mi sono anche commossa ed ero con te all'arrivo ad accoglierti saltando con le braccia tirate in alto per esultare. sei veramente GRANDE!!!!il racconto è stato come essere li accanto a te sentendo ogni goccia di acqua cadere!!!

    RispondiElimina
  15. Io ti volevo vedere di "preservativo" vestita :))))
    Complimenti ancora
    bacio
    gio

    RispondiElimina
  16. Bravissima!!! Fra, hai tutta la stima di un'altra pessimista, metereopatica, senza più voglia di crederci e per giunta pigra!!! Ma tu ce la puoi fare!

    RispondiElimina
  17. Mitica... avevi più acqua addosso tu di quanta ne procellava il Piave!!
    Fantastica davvero: io se piove volto gallone!!

    RispondiElimina
  18. Ti stimo.
    Non ho nient'altro da dire.

    RispondiElimina
  19. i veramente eroica!!
    Mi hai fatto ridere da morire per il modo di definire il tuo abbigliamento..
    Poi New York????

    RispondiElimina
  20. racconto davvero da cardiopalma.... ma poi liberazione dalla suspence..e sono felice felicissimaaaaa per te..
    bravisssìmissssima, un bacione grande
    .....hai tirato fuori il "maschiaccio" che c'è in te ;-))))

    RispondiElimina
  21. Fra ti ho letto tutto d'un fiato e mi sembrava di essere li a tifare per te!!! Splendido resoconto che mi rimarrà impresso nella mente :-)
    Buona serata Laura

    RispondiElimina
  22. mammamia, mi hai emozionata! brava, brava e brava!

    RispondiElimina
  23. Fra...che emozione!
    Mi è sembrato di correre con te e di toccare insieme il cielo con un dito!!!
    Complimenti....sei grande!!!;))
    Un bacio grande.

    RispondiElimina
  24. Bravissima Fra, è andata! Tanti sacrifici ripagati da una immensa soddisfazione. Volevo venire a Treviso anche io domenica, ma la troppa pioggia mi ha fatto cambiare idea. Un abbraccio,
    Stefano

    RispondiElimina
  25. Brava, bravissima! Che costanza ... anche con condizioni avverse :-) io mi sono divertita a leggere il tuo racconto :-) Baci

    RispondiElimina
  26. brava,brava,brava.....eravamo li con te e con te abbiamo vinto
    alla prossima
    un bacio
    pa' e ma'

    RispondiElimina
  27. Che determinazione trasuda dalle righe! Complimenti, davvero: andrai lontano.. e non sto parlando di chilometri ;-)
    riki

    RispondiElimina
  28. Queste imprese mi lasciano senza fiato solo a leggerne... su due ruote nessun problema, ma a piedi è un altro discorso... brava!!!

    RispondiElimina
  29. sei troppo forte!!!
    corri,corri forte anche per noi ;)

    RispondiElimina
  30. Io non so davvero cosa dire...sono commossa...siete speciali! Grazie per i vostri commenti, il vostro affetto è impagabile :D
    Un abbraccio fortissimo a tutti

    RispondiElimina
  31. Fra, sei grandissima!!!!!!!!! Hai la mia immensa ammirazione.......

    RispondiElimina
  32. lo hanno già detto gli altri...ma ti ammiro moltissimo, anch'io sogno di partecipare a una maratona... e sono curiosissima di sapere come ti alleni. Bravissima

    RispondiElimina
  33. Ma sei incredibile!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! E non dire più che sono tosta, qui se c'è una tosta sei tu tesoro!!!!!
    Complimenti!!!!!!!!!!
    Niki

    RispondiElimina
  34. Complimenti Fra! scusaaaaaaa sono arrivata in ritardooooo!! ma in questi giorni non ho un attimo di tregua....... sono felice che tu abbai corso la tua prima maratona ho letto tutto d'un fiato e mi sembrava di essere lì con te.... un bacione pulcino bagnato eheheh ciao pIppi

    RispondiElimina
  35. Scusa, ho visto solo adesso questo post (mi pedo sempre più spesso tra le mille cose che vorrei fare... o sarà l'età?)
    Volevo farti tanto di cappello: chiunque conclude una maratona è un'eroe e sotto le 4 ore persino un Atleta con la A maiuscola. Tu, alla prima ci sei andata vicinissima.
    Evvai!
    Remy

    RispondiElimina
  36. Sono arrivata al tuo blog per caso e trovo questo post. Bè! Complimenti davvero!

    RispondiElimina
  37. Leggendo qua e là ho trovato il tuo blog e man mano che leggo trovo sempre più somiglianze tra la tua vita e la mia...amo cucinare, correre, leggere...proprio come te!
    Ed è bellissimo poter leggere le tue esperienze così simili ma così diverse allo stesso tempo dalle mie!!!
    Se vuoi, il mio blog è http://micioabordo.blogspot.com/
    Sono alle prime armi con la corsa quindi mi farebbe piacere poter condividere con te le mie esperienze!
    A presto spero, ciao,
    Federica

    RispondiElimina

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs