lunedì 27 aprile 2009

Un racconto e un muffin

E anche oggi è un giorno di pioggia. E allora come fare a rallegrare un po' questo aprile bigio e freddino. Bè, sedetevi comodi, ascoltate della bella musica e leggete il nostro racconto ;D...magari gustandovi un muffin e un buon tè!

Tutto è partito grazie a Luca e Sabrina. Il calamaio poi è passato di mano in mano fino a giungere qui. Questo è il mio piccolo contributo, spero vi piaccia.



"E quel sorriso racchiudeva tutti i sorrisi del mondo. Tutti i sorrisi delle donne che in quegli anni Eugenio aveva incontrato, amato e lasciato andare via. Pochi passi bastarono a colmare lo spazio che li divideva. Voleva stringerla fra le braccia, ripetere mille volte il suo nome per scolpirlo a fuoco nel suo cuore e sulle sue labbra. Voleva perdersi in quegli occhi profondi come l'universo, che promettevano finalmente riposo e pace.
"Alice che fai lì impalata dobbiamo andare!" la voce affilata dell'altra donna ruppe l'incanto. Il mondo perse improvvisamente i suoi vividi colori e Eugenio si sentì di nuovo vuoto in quella mattina di inizio aprile.
Alice però non sembrò dare peso alle parole dell'amica. Stava lì, dritta di fronte a lui, la testa leggermente inclinata verso la spalla sinistra.
"Eugenio, sei tu?"
"Sì Alice...io...scusa...non volevo farti del male...non so se la tua amica ti ha raccontato...è che mi sono distratto per qualche minuto...non vi avevo viste..." Le parole uscivano incerte, uno sconnesso balbettio che lo infastidì profondamente.
"Non ti preoccupare Eugenio, io sto bene. E poi questo incidente ci ha fatto rincontrare. Non ci vediamo da tantissimi anni, da quella vacanza in montagna..."
"Alice, dobbiamo andare, io ho bisogno di una doccia e tu di riposare!" Eugenio fulminò l'altra donna con uno sguardo, ma lei parve non accorgersene.
"Scusami Eugenio, devo proprio scappare. La mia amica ha ragione, è stata una notte molto lunga. Però chiamami, mi piacerebbe rincontrarti. Ecco il mio numero"
E un cartoncino rosato passò dalle mani di lei alle sue. Un ultimo sguardo e il taxi partì, lasciando Eugenio fermo sul ciglio della strada, un biglietto da visita tra le mani e due occhi blu che danzavano nel suo cuore.


Luce aprì gli occhi. Un raggio di sole polveroso tagliava la stanza a metà. Un'altra notte era scivolata via, uguale alle altre, vischiosa col suo carico di malinconia. Si alzò dalla piccola brandina che le infermiere le avevano gentilmente permesso di usare e ravviò i lunghi capelli ramati. Due profondi segni bluastri le contornavano gli occhi, risaltando sulla sua pelle chiara.
Era proprio durante le prime ore del mattino, pensando alla lunga ed estenuante giornata, che più le mancava Nathan. L'aveva conosciuto all'università. Entrambi studiavano geologia. Lui era brillante e spiritoso. Le era piaciuto subito.
Con la mente accarezzò il ricordo dei primi mesi di matrimonio, la complicità segreta e delicata che li aveva uniti ogni giorno di più. Rivide i suoi occhi dietro la montatura nera degli occhiali che si illuminavano alla notizia che sarebbe diventato papà. E la preoccupazione quando gli era stata affidata una ricerca in Perù. Ricordò tutte le lunghissime discussioni, i dubbi che l'avevano quasi spinto a rifiutare quell'irripetibile offerta. E lei che alla fine lo aveva convinto a partire, rassicurandolo che sarebbe tornato in tempo per vedere nascere il loro bimbo. Ma le cose erano andate diversamente. Il piccolo aveva avuto troppa fretta e ora lei si trovava sola sprofondata in un incubo di paura e incertezza.
Si passò le mani sugli occhi scacciando via le ultime ombre dalla sua mente. Quella sera lo avrebbe chiamato, sperando che il collegamento satellitare rimanesse attivo per più di pochi minuti. Ora doveva andare a vegliare il suo angelo, a sussurrargli di resistere, di lottare per la sua mamma e il suo papà. Per quella vita tremenda e meravigliosa."


E ora passo la penna a Onde99, so che saprà dare un tocco magico a questa storia

REGOLE
A chiunque riceva il calamaio è concessa massima libertà d'espressione. Che la sua fantasia possa dare un seguito a questa storia appena abbozzata.
Il testo dovrebbe restare entro le mille parole.
I personaggi non hanno un'età ed una personalità definita, abbiamo lasciato in bianco tutto quanto per non dare limiti alla fantasia. Sarete voi che delineerete i caratteri man mano che il racconto prenderà vita.
Una volta scritta la propria parte, l'autore/autrice dovrà passare il calamaio a sua libera ed esclusiva scelta ad un'altra persona e così via via, lasciando che il racconto prosegua il suo corso.Bisogna esporre il banner e fare il link in modo tale che chi riceve il calamaio possa leggere la storia fin dall'inizio , nonchè il regolamento.Alla fine del gioco , il nostro , il vostro racconto verrà raccolto in un pdf.


Ed ecco a voi il muffin promesso

MUFFIN DI CAROTE CON CRUMBLE

IMG_3924

Ingredienti per 10-12 muffin: 250gr di farina di riso/ 50 gr di farina integrale/ 1 bustina di lievito per dolci/2 cucchiai di cannella in polvere/ un pizzico di sale/ 4 uova/ 160ml di olio di semi di girasole/ 180gr di zucchero di canna/ 220 gr di carote grattuggiate fini/ 100gr di arance caramellate*/150 gr di uvetta/ 3 cucchiai di sciroppo all'arancia*
topping: 50gr di burro tagliato in piccoli pezzi/75 gr difarina di grano saraceno/25 gr di zucchero di canna/ 50gr di fiocchi d'avena/50gr di semi di papavero/ 1 cucchiaio d'acqua/1 cucchiaio di olio di semi di girasole/ 1 cucchiaio di miele

1. Iniziate preparando il crumble. In una ciotola mischiate il burro, la farina di grano saraceno e lo zucchero. Lavorate il composto con la punta delle dita fino a che il burro non è ben incorporato e l'impasto non abbia assunto l'aspetto di grosse briciole. Unite i fiocchi d'avena e i semi di papaver, poi l'acqua, l'olio e il miele. Amalgamate il tutto fino a ottenere un composto umido e sabbioso. Tenete da parte

2. Preriscaldate il forno a 170° e imburrate lo stampo per muffin

3. Setacciate la farina, il lievito, la cannella e il sale. In un ciotola capiente mescolate le uova, l'olio, lo zucchero, le carote, le arance candite tagliate in piccoli dadini e l'uvetta. Unite il composto asciutto a quello liquido e mescolate quel tanto che basta a amalgamare gli ingredienti (non troppo a lungo se no i muffin risulteranno troppo duri). Suddividete l'impasto negli stampi e ricopritelo con il crumble. Cuocete per circa 30-35 minuti (vale la prova stecchino)

IMG_3922

*la ricetta delle arance caramellate e dello sciroppo seguiranno a breve ;D

27 commenti:

  1. Oh, cielo, un muffin lo prendo proprio volentieri, ma il racconto... sai che non ho seguito la vicenda proprio per niente? Mi sono persa tutte le puntate precedenti! Spero di non impiegare troppo a recuperare, altrimenti bloccherei la catena!

    RispondiElimina
  2. NB: ovviamente sono lusingata che tu abbia pensato a me, farò del mio meglio per non deluderti!

    RispondiElimina
  3. @onde99: le puntate precedenti non sono lunghissime e credo che anche se ti prendi un po' di tempo per leggerle non ci siano problemi. Spero di non averti messo in crisi...non sentirti in obbligo

    RispondiElimina
  4. Che delizia questi muffins! Uno me lo mangerei proprio volentieri a merenda accompagnato ad un buon tè...
    Io aspetto con trepidazione la ricetta delle arance caramellate...
    Anche io non sapevo niente di questo racconto in costruzione.
    Buon pomeriggio cara!

    RispondiElimina
  5. Fra questi muffin mi piacciono tantissimo, hai utilizzato un mix di farine eccellente e quasi quasi li adotto per la merenda di Edo a scuola:)) Il tuo racconto l ho letto in un fiato, non vedevo l'ora e trovo che l'idea di passarlo ad Onde sia azzeccatissima,lei è spiritosa e brava con le parole!
    P.S Per la mail, ho già risolto come puoi vedere:)

    RispondiElimina
  6. muffin davvero d'acquolina in bocca...bello anche il racconto... Alice e Eugenio si rivedranno ;-))

    P.S. attenzione che è Nathan il compagno di Luce,Pietro sta con Elena, bacio! è difficile infatti ricordarsi chi sta con chi ^_____^

    RispondiElimina
  7. @carolina: allora spero che il racconto ti sia piaciuto...promesso per le arance non dovrai attendere molto ;D

    @elga: il moroso è rimasto estasiato da questi muffin, hanno una consistenza davvero fantastica. Onde è veramente brava a scrivere! un bacione tesoro

    @marta: grazie ho corretto il nome (che sbadata!!!)

    RispondiElimina
  8. Ninete d dire sulla tua bravura nello scrivere!
    ma nemmeno in cucina tesoro!Questi muffin mi stuzzicano molto.Inizierò anch'io ad usare la farina di riso!
    Bacione

    RispondiElimina
  9. fra!!! bello il racconto.....lo sai che tifo per te! ;-)
    i muffin sono davvero deliziosi hai una fantasia veramente esplosiva anche in cucina....che invidiaaaaaaaaaa eheheh un bacino e speriamo che sta maledetta pioggia smetta un pò che non ne posso piùùùùùùùù!

    RispondiElimina
  10. Premio premio premio!!!

    sono di corsa, ma dopo torno per leggermi la storia!!

    ciao!!

    RispondiElimina
  11. questa catena è geniale.
    come sei geniale tu!
    ho poco tempo, lo sai e tanta nausea che mi costringe all'allontanamento forzato.
    ho volutamente glissato sulla parte mangereccia e goduto il racconto come faccio sempre leggendoti.
    un abbraccio leggero

    RispondiElimina
  12. mi sono persa nel racconto immaginando le scene e gli sguardi , bellissima scrittura!e poi mi son goduta la ricetta .un saluto

    RispondiElimina
  13. Fra, l'hai scritto divinamente, sei un incanto!!!!!!! Nonostante l'ora tarda e la sveglia di domattina che ci violenterà nel sonno e troppo presto, non potevamo resistere, dovevamo leggerti! Ci hai regalato un sorriso, d'accordissimo sulla scelta di Onde, la stimiamo moltissimo anche noi.
    I muffins sono da capogiro, come fai a sfornare delizie simili? E seconda domanda, ci riusciremo mai anche noi?
    buonanotte da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  14. Fra questo racconto sta diventando sempre più bello e avvincente!
    Uno di questi muffins lo prenderei davvero volentieri, mi piace l'accostamento degli ingredienti che hai utilizzato perchè oltre ad essere golosi fanno anche bene ;)
    Un bacione!

    RispondiElimina
  15. sei troppo brava Fra! ma la scrittura è anche il tuo lavoro? perchè se così non fosse sarebbe un peccato!
    bbboni pure i muffins tutti belli croccantiniiii :)))
    baciiii

    RispondiElimina
  16. Oh, Fra, non prendermi per superba, al contrario... è che non mi sento in grado: ho poco tempo in questi giorni e con tutte questi giorni di festa il daffare in ufficio è più concentrato. Inoltre è un periodo un po' così, sono molto nervosa... Ho provato a leggere le puntate precedenti del racconto, ma non sono riuscita a seguire bene le vicende e non riesco a pensare a un seguito... Rischio davvero di bloccare la catena per settimane... mi sento davvero imbarazzata a chiedertelo, ma sarebbe un problema passare il testimone a qualcun altro? Ti prego di perdonarmi, mi sarebbe piaciuto davvero contribuire a questa bellissima iniziativa con qualcosa di geniale, ma non riesco a pensare a niente... Scusami tanto...

    RispondiElimina
  17. accipicchiolina che bel muffin! perfetto così e devo dire che il racconto diventa avvincente :-) bacio tesoro e grazie a te per il continuo supporto e presenza
    Silvia

    RispondiElimina
  18. Non ho letto le puntate antecedenti, ma mi sono persa nel tuo bel racconto dove riesci a caratterizzare con leggerezza e precisione i personaggi che vi si muovono e le loro vicende
    Complimenti ;-)
    Deliziosi i tuoi muffin che mi hanno dato un'ottima idea per terminare un vasetto di arance candite
    Baci

    RispondiElimina
  19. Complimenti per il racconto, anche se non ho letto le puntate precedenti, però intanto un muffin lo prendo volentieri ^_^

    RispondiElimina
  20. @saretta: la farina di riso è davvero eccezionale nei dolci, se la provi non la lasci più... bacio

    @pippi: grazie sei sempre carinissima...ah i muffin sono la libera interpretazione di una ricetta vista sul libro di Ottolenghi ;D

    RispondiElimina
  21. @morena: grazie e mille per il premio :D

    @enza: sono contenta che il racconto ti sia piaciuto...molto fastidio con le nause???? speriamo passino in fretta perchè mi manca molto leggerti

    @caty: grazie! :D

    @luca&sabrina: grazie tesori, ma il merito è vostro, avete ideato una catena davvero molto interessante non vedo l'ora di leggere i prossimi sviluppi!

    @camo: effettivamente gli ingredienti sono molto genuini e il mix di farine dà veramente molto gusto

    @onde: macchè superba, ci mancherebbe, succede di avere dei periodi pieni in cui si fa fatica a gestire tutto. E poi questo deve essere un piacere se ti mette ansia non ha senso che tu lo faccia. Anzi scusami tu per non aver pensato di chiedertelo prima. un bacione

    @silvia: ma figurati adoro leggere i tuoi post :D

    @viviana: mi piacerebbe tantissimo scrivere come lavoro, ma purtoppo non è così...magari in futuro ;D grazie un bacione

    @lenny: grazie e mille! e se fai muffin dimmi se ti sono piaciuti

    @sweetcook: bravissima...goditelo lentamente :D

    RispondiElimina
  22. Ti copio e incollo la risposta che ti ho scritto anche da me: grazie, cara, sei molto commprensiva, ma non era necessario avvisarmi, sono io che in questi giorni sono completamente sfasata e ogni piccolo impegno, anche se piacevole, mi sembra insormontabile.... Un abbraccione

    RispondiElimina
  23. Sìììììì, ho anche un po' di farina di riso da impegnare saggiamente! Grazie Fra!
    Smack
    ps. ho provato a "scrostare" il topping per rubarti una briciola ... ma non funziona :-P

    RispondiElimina
  24. Devo dire che non mi sentirei di continuare il tuo racconto ma una cosa che misarei capace di fare e al volo è addentare uno di questi muffin!!!

    RispondiElimina
  25. Leggo oggi il tuo bel post ma senza volerlo due giorni fa, che come al solito pioveva e sembrava novembre, visto che mia figlia tornava a casa per le 17 zuppa e infreddolita cosa ho fatto? I muffin, quelli classici perché non avevo molto in casa, ma insieme a una tazza di tè, caldi e profumati sono stati una benedizione!

    RispondiElimina
  26. Ciao cara sono passata a salutare.
    Baci baci.

    RispondiElimina
  27. Bellissimo il pezzo del racconto e anche l'idea di condividerne la scrittura con altri blogger.
    :))

    RispondiElimina

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs