lunedì 18 agosto 2008

Dagli Appennini...


Sento il calore della tazza passare dalla ceramica alle mie mani. Le articolazioni si ammorbidiscono e un leggero pizzicore mi pervade il palmo. Il vapore mi appanna gli occhiali, mentre la pioggia batte contro il vetro della finestra a cui ho appoggiato la spalla. Appena in tempo. Altri cinque minuti e tutta l'acqua che sta sferzando il tetto del rifugio ci avrebbe trasformato in batuffoli zuppi.

Siamo partiti venerdì mattina presto con le nuvole che ci hanno accompagnato per tutta la giornata. Nuvole basse, enormi, come cumuli di panna montata sospinte da un vanto incessante, freddo e potente.
Abbiamo risalito il Cimone, lungo i fianchi ricoperti di erba bassa e cespugli di mirtilli carichi di frutti piccoli, neri e dolcissimi. Gli impianti di risalita, mostri di ferro addormentati, ricordano che qui nella stagione invernale, migliaia di persone invadono questi spazi, in cui oggi gli unici rumori sono quelli del vento e dei nostri passi. Arrivati al Cimoncino ci accoglie un fischio acuto, un piccolo grido d'allarme. Aguzziamo la vista e fra i massi scorgiamo una colonia di marmotte. Grassi sederotti pelosi slalomeggiano fra l'erba, infastiditi dalla nostra presenza.


Proseguiamo. Ruben lancia occhiate all'orizzonte dove le nubi si fanno più scure e più basse. Il vento ci fischia nelle orecchie e le folate più potenti deviano i miei passi verso sinistra. Passiamo Libro Aperto in un grigio plumbeo che contrasta meravigliosamente con il verde dei prati e delle valli più in basso. Le mani e i piedi cercano appigli sicuri. Lo sguardo fisso sullo zaino arancione di Brian, che mi precede.


Un su e giù incessante lungo la cresta dell'Appennino. Faticoso ma affascinante come sa esserlo solo la natura. Il temporale sempre in agguato, all'orizzonte, là dove un pallone metereologico prende il volo, poi schizza verso il est sospinto dal vento.
Incontriamo pochissime persone durante la camminata. E così ci sentiamo un po' dei piccoli esploratori, Frodo Beggins e la sua compagnia, in marcia verso la terra di Mordor.
Arriviamo a Croce Arcana che è pomeriggio inoltrato. La pioggia ci investe per qualche minuto, ma il rifugio è vicino. Solo un'ora di cammino e poi ci riposeremo.

Quando scolliniamo per l'ultima volta la vista del lago Scaffaiolo e del rifugio Duca degli Abruzzi ci conforta con la sua promessa di calore e riposo.


La cena è semplice e divina. Zuppa di farro e carote, tagliatelle al ragù, pollo arrosto e patate. Ci imbozzoliamo ognuno nel proprio sacco-letto mentre la pioggia ci canta la ninna nanna.
La mattina dopo il sole splende, ma il vento non ha diminuito la propria intensità. Ci sono sei gradi e l'aria è talmente tersa che in lontananza si scorgono le cime innevate delle Alpi. Decidiamo di non proseguire per il Corno, i Balzi sono pericolosi con questo vento, così scendiamo per le Polle, fino al Santuario di Madonna dell'Acero.
Un'escursione molto divertente. Grazie alla compagnia e a quei paesaggi da togliere il fiato. Un'esperienza da ripetere. Presto.

Mercoledì parto, finalmente. Vacanze vere, belle lunghe :D Spero che la meta non mi deluda, ma sono convinta che sarà una splendida avventura. Io e la weazel nel Paese del Sorriso. Fa anche rima! :P Perciò ci si rilegge a settembre. Ma prima di partire vorrei ringraziare Sally che mi ha elargito un bellissimo premio.

Da Bologna a Bologna: grazie davvero di cuore. Io lo riassegno a tutti quelli che passeranno di qui in mia assenza, che lasceranno un messaggio o semplicemente perderanno un po' di tempo a leggere i miei sproliloqui. A presto. So già che mi mancherà il mio salottino e voi che passate di qua.

38 commenti:

  1. spettacolare... il fascino dell'appennino è indescrivibile ma tu ci sei andata molto, mooolto vicino :)

    RispondiElimina
  2. Incantata dalle immagini e dal racconto..Non mi resta che augurarti delle buonissime emeritatissime vacanze(che fixata la meta!)
    Bacioni
    saretta

    RispondiElimina
  3. Il maltempo in montagna mi mette un po' di fifa... :) ma voi siete riusciti a godervi ugualmente l'escursione per fortuna!

    Buone vacanze allora, ci si rivede al ritorno!

    RispondiElimina
  4. ..che bello il tuo post, traspira freschezza e soddisfazione..mi ha fatto venire voglia di una lunga passeggiata nei prati. Grazie e buone vacanze

    RispondiElimina
  5. foto fantastiche, poi adoro i tuoi racconti, sempre densi di emozione, palpabili, tangibili...hai un modo di descrivere che ti trascina lì, al tuo fianco...bellissimo davvero! ancorta buona vacanze cara!!

    RispondiElimina
  6. anche tu ami pubblicare le foto delle tue gite!!
    Lo sai che piacciono sempre!!!
    Coplimenti
    Grazia

    RispondiElimina
  7. Spero di rivederli presto i miei Appennini!! Grazie per l'anteprima :-) E ora buone vacanze!! Goditele tutte. Ci si rilegge a settembre, io parto la settimana prossima.
    Un abbraccione, Alex

    RispondiElimina
  8. Evvabè, per una che è abituata a ben altri lidi... c'è da restare a bocca aperta... ma sai che forse forse in un'altra vita ero montanara, me lo sento!

    RispondiElimina
  9. Vedo che anche te hai avuto un incontro ravvicinato con un grillozzo! Bell'escursione...e poi ti invidio da morireeeeee!!!!DAVVERO VAI IN THAILANDIA!??!?!volgio anche io! Divertiti e fai un bel reportage!
    un bacio

    RispondiElimina
  10. che foto !!!!!! Fra , leggendo il tuo racconto mi sembrava di essere lì con voi...... ;-)
    Ti auguro una vacanza fantastica e aspetto di vedere il tuo reportage!!un bacio Pippi

    RispondiElimina
  11. le marmotteeee!!!
    sai che il duca degli abruzzi era la mia scuola?
    bellissimo e emozionantissimo i ltuo racconto! mi viene voglia di andare a scalare una delle montagne qui intorno! :D ma ancora di più di trovare un rifugio dopo!
    unb acio enorme ci rileggiamo a settembre!!

    RispondiElimina
  12. Adoriamo il tuo modo di scrivere, di rendere le emozioni così tangibili e poi le foto sono bellissime, delle finestre su panorami selvaggi e sconfinati!
    Buone vacanze, ti aspettiamo al ritorno!
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  13. Bellissimo racconto e soprattutto buon viaggio Fra,goditi fino all'ultimo secondo,che ne vale davvero la pena!

    A presto!

    RispondiElimina
  14. Bellissima escursione e bellissime foto!
    Fai buone ferie!
    Ciao,
    Stefano

    RispondiElimina
  15. Buone vacanze bella bolognese, ci si rivede qui a casina, a presto sally, ciao ciao ;-)))

    RispondiElimina
  16. Io che non ho potuto fare vacanze mi nutro dei vostri racconti e delle vostre foto..grazie! sara

    RispondiElimina
  17. Uao, hai preparato delle delizie in mia assenza!

    RispondiElimina
  18. 6 gradi? Ma come ti e' saltato in mente?! Ma se volevi il freddo e il gelo venivi a trovarmi, no? Ih!Ih!Ih!
    Che belle foto, che bei paesaggi mi hai fatto sognare abbracciata balla mia calda copertina ;p
    Buon viaggio e divertiti.

    RispondiElimina
  19. E' emozionante il modo in cui scrivi e riesci a trasmettere le tue sensazioni a chi legge, effetto che risulta amplificato dalle megnifiche foto e dai luoghi spettacolari.
    A presto, ma soprattuoo BUONE VACANZE ...
    Al prossimo foto-racconto

    RispondiElimina
  20. che belli questi luoghi...danno un senso di pace, di calma, di quiete interiore....ci credi se ti dico che t'invidio? ;) torna presto, un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Ciao Fra, passa da me per ritirare un...
    Buona domenica,
    Stefano

    RispondiElimina
  22. Ciao Fra! Bellissime queste foto che ci hai regalato!!! Spero che ce ne mostri molte altre!!!

    RispondiElimina
  23. ciao cara! mi hai afascinata col tuo racconto, io non sono una tipa da montagna ma una lucertola da spiaggia eppure ... eppure... mi dfai quasi venire voglia di provarci! deve valerne davvero la pena... dev'essere una soddisfazione e una ricongiunzione con la natura... buon proseguimento o buon rientro! un bacione, eli

    RispondiElimina
  24. senti fra, la prossima volta mi intrufolo nello zainetto, oppure fa un fischio.
    buone vacanze anche se in ritardo

    RispondiElimina
  25. Sono rimasta estasiata dalle foto e dalla tua descrizione, complimenti e bentornata, credo che dopo un soggiorno di quel tipo sarà difficile riabituarsi. Un abbraccio e a presto:-)

    RispondiElimina
  26. Splendido racconto e splendide immagini! Laura

    RispondiElimina
  27. Sono sicura che starai molto più fresca di noi...qui si brucia ancora dal caldo! Divertiti anche per noi e BUONE VACANZE

    RispondiElimina
  28. Fra, ma dove sei? Ancora in ferie? Beata te!
    Quando torni, passa da noi, c'è un premio per te, nel post "Una pioggia di premi", al blocco 8!
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  29. Da me c'è un premio che ti aspetta
    A presto

    RispondiElimina
  30. Finalmente anche per me sono arrivate le ferie, ci vediamo tra 2 settimane. C'è un premio per te!
    Un abbraccio,
    Stefano

    RispondiElimina
  31. Finalmente anche per me sono arrivate le ferie, ci vediamo tra 2 settimane. C'è un premio per te!
    Un abbraccio,
    Stefano

    RispondiElimina
  32. hai descritto benissimo luoghi e situazioni ti aspettiamo

    RispondiElimina
  33. Pensavo fossi tornata invece 6 ancora in vacanza.....ti invidioooo!! Divertiti!!

    RispondiElimina
  34. Anche io adoro passeggiare in mezzo la natura...sono appena rientrata dall'America dove ho fatto il giro dei parchi nel west coast...bellissimi...peccato che ad ogni fine passeggiata non ci fosse un rifugio. Un rifugio dove riposare le gambe stanche, bere qualcosa di fresco e mangiare...beh lasciamo stare il cibo americano :D
    Bacioni

    RispondiElimina

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs