lunedì 17 novembre 2008

Going on...

La weazel spegne la sveglia con un grugnito. Guardo i numeri fluorescenti del display. Le 6.00. Maledico mentalmente il lunedì mattina, poi mi ricordo...non è lunedì è domenica!!! E io sono una deviata mentale. In cucina alcuni pinguini mi danno il buongiorno. Fuori dalla finestra la luna è ancora alta. Un mezzo disco luminoso nel cielo nero. Però non ci sono nuvole. Bene almeno non rischio la pioggia in testa. Latte, barretta energetica, un po' di miele. La weazel vagola per la casa con gli occhi assonnati e la faccia gonfia.
Arriviamo a Ozzano con largo anticipo. E' fresco ma la giornata si preannuncia splendida. C'è già tantissima gente che fa riscaldamento. I buoni, quelli che corrono forte li riconosci dall'abbigliamento. Pantaloncini e maglietta senza maniche. Rabbrividisco.
Mi iscrivo e comincio a scorricchiare anche io. I muscoli freddi appesantiscono le gambe, ma le sensazioni sono buone. Mi guardo intorno. Persone di ogni età ridono, scherzano, si salutano, parlano di tempi, di percorsi, di altre gare. Centinaia di individui con la stessa malattia: la corsa
Alle nove partiamo. Il percorso è durissimo. L'ho guardato la sera prima su googlemaps. Una salita dopo l'altra, per circa metà del tracciato. Il mio obiettivo è non smettere mai di correre, riuscire a mantenere un ritmo per lo più costante.
Il freddo scivola via assieme ai chilometri. La testa è assolutamente vuota, negli occhi lo spettacolo della collina bolognese. Una trama d'oro e rubino. Più sotto i campi arati, da cui si leva una sottile nebbiolina. Bologna è sotto di noi, come un gatto rosso pigramente accovacciato. Sulla sinistra il Castello dei Britti col suo torrione quadrato ci saluta mentre affrontiamo l'ultima discesa. Spingo più che posso, ormai manca poco al traguardo. Riesco ad aumentare la velocità ancora un po' quando vedo lo striscione con la scritta ARRIVO. La weazel esulta al lato della strada.
Sono davvero contenta, la gara è andata bene, ma soprattutto è la sensazione di assoluta libertà, quella leggerezza che sento dentro, nel profondo a farmi brillare gli occhi. Una splendida mattina, nonostante la levataccia!


Visualizzazione ingrandita della mappa

E per premiare la povera weazel che mi ha accompagnato, nonostante non potesse partecipare, tornata a casa le ho preparato un piatto coccoloso, dalla consistenza avvolgente. L'idea mi era venuta sfogliando Sale&Pepe di novembre. Il risultato mi ha davvero entusiasmato. Un gusto delicato ma allo stesso tempo molto sfizioso.

Sformato di polenta e cavolfiore




Lavate e mondate mezzo cavolfiore di medie dimensioni. Staccate i fiori cercando di non romperli e cuoceteli al vapore per circa 10-15 minuti. Nel frattempo preparate la polenta. Riscaldate in un tegame 450 ml di acqua. Salate con un pizzico di sale grosso e quando è tiepida unite 175 g di farina di mais. Mescolate costantemente con un cucchiaio di legno, fino a che la polenta non comincia ad addensarsi. Deve assumere una consistenza piuttosto soda (io l'ho cotta per circa 15 min.). Imburrate una teglia (per questa quantità ho utilizzato una teglia di 20cmx20cm) e versateci la polenta, formando uno strato uniforme. Adagiateci sopra i pezzetti di cavolfiore, spingendo un po' in modo da avvolgerli parzialmente nella polenta. Ora preparate la besciamella. In un pentolino fate sciogliere 40g di burro. Unite 40 g di farina setacciata e mescolate velocemente con un cucchiaio di legno o una frusta. Quando il roux assume un aspetto omogeneo e dorato unite a filo 400 ml di latte, continuando a mescolare. Una volta che la besciamella si è addensata (deve risultare cremosa e non troppo liquida) salate, spolverate di noce moscata e versatela delicatamente sullo strato di cavolfiore. Completate con una generosa spolverata di parmigiano e infornate a 180° per circa 20 minuti (deve formarsi una gustosa crosticcina)



BUON LUNEDì A TUTTI

30 commenti:

  1. ecco un buon modo per farmi piacere il cavolfiore, ho tutto a casa (perché io, giuro, ci provo a farmelo piacere il cavolfiore) ci provo, l'idea mi attizza assai

    RispondiElimina
  2. Buon lunedì a te cara!ti invidio per quello che sei riuscita a fare...una maratona...nemmeno nei miei sogni più sfrenati riuscirei a farcela...odio la fatica fisica;P
    lo sformato lo proverò quanto prima,un modo nuovo per far mangiare il broccolo al Siepe (che notoriamente lo odia!!!)un bacione ;***

    RispondiElimina
  3. Fra che buono quello sformato.. :) sa proprio di coccole. hai ragione! ;)
    ma soprattutto compimenti per la bella corsa che ti sei fatta! io sono una camminatrice.. la corsa.. proprio no.. però se devo fare una passeggiata posso camminare per ore e ore :)

    RispondiElimina
  4. il tuo post mi hai fatto venire una gran voglia di tornare a correre...che a onor del vero è sempre lì latente, ormai da anni!

    anche lo sformato è molto invitante...un'ottima idea per cucinare i non sempre graditi cavolfiori!

    un bacio e buon lunedì!

    RispondiElimina
  5. Grrrrrr....ho fatto l'abbonamento a Sale&Pepe, ma il numero di novembre ancora non si è visto, porcaccia miseria! La tua polenta con cavolfiore è davvero una bella cosa, coccolosa sul serio. Da provare al più presto ...E complimenti per la corsa... :)

    RispondiElimina
  6. Ti ammiro tantissimo, io non ce la potrei mai fare..ma addentare lo sformato mi viene benissimo!!!Elga

    RispondiElimina
  7. brava, fare del moto è super ok, ma la WEAZEL chi/ cosa è?
    Sai da poco sono in visita a casa tua, e non ho ben capito.

    RispondiElimina
  8. non se è una bella idea per mangiare il cavalfiore o se è una bella idea per mangiare la polenta nel dubbio è una idea e basta. No la marathona, non ho abbastanza resistenza, cammino molto vado in bicletta ma in pianura e sull'asfalto, potrai mai perdonarmi?

    RispondiElimina
  9. Buon lunedì!!! E tante tante tante congratulazioni per la tua corsa. Deve essere una soddisfazione notevole.

    RispondiElimina
  10. ma buongiorno mia bella! hai capito che donna sportiva che abbiamo! come si direbbe qui, volgarmente "te c'hai della voglia!" ihih!
    corsa e arietta non viaggiano sulla medesima lunghezza d'onda ohibò,sportiva si, ma con la corsa non vado d'accordo tra asma e ginocchio!
    mi consolo con quello splendido sformato...che bei colori! un bacio e buona settimana!

    RispondiElimina
  11. Brava Fra!sono stracontyenta che ti sia ripresa alla grandissimaa!
    E questa ricettina è una meraviglia!
    bacione

    RispondiElimina
  12. bella questa versione della polenta farcita!!!noi l afacciamo spesso e ci può tornare utile...
    bacioni

    RispondiElimina
  13. Bella questa "polenta incavolata" ;), mi piace l'idea!
    Buona serata ed un abbraccio,
    Stefano

    RispondiElimina
  14. mi viene il fiatone solo a leggere il post, ma come fai? certo ve la siete meritata la polenta :-)

    RispondiElimina
  15. Questo sì che è un piatto con i fiocchi!!!!
    Grazia

    RispondiElimina
  16. bene.... ho una chance per preparare il cavolfiore.....complimenti per la corsa, baci baci!

    RispondiElimina
  17. Idea simpatica e buonerrima.
    Io farei due strati dell'uno e dell'altro e magari mischierei sia alla polenta che al cavolfiore dei pezzetti di formaggio saporito tipo gorgonzola...
    Ecco, adesso l'ho detto!...
    Pssst: io non faccio testo, sono maniaca dei formaggi e dei "pasticci" :D
    Buon lunedi
    (grazie della telecronaca e grazie dell'orsetto, riconsolano entrambi del fatto che inizia un'altra settimana di lavoro...)

    RispondiElimina
  18. Ma sei una grande! Io sono così pigra...
    Però questo piattino lo farei subito :)

    RispondiElimina
  19. Io adoro il cavolfiore (e tutta la famiglia dal broccolo ufo fino al bok choi!) e questa versione mi stuzzica assai!

    RispondiElimina
  20. Fra, non sapevamo che fossi così atletica, a Luca hai ricordato la sua adolescenza, ha fatto lo stesso percorso a 16 anni, gli è persino spuntata una lacrimuccia! Una foto della weazel potevi metterla! In compenso ci hai regalato quella dello sformato, cavolfiori e polenta sono un pranzetto superlativo!
    Baci by Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  21. Ho sempre ammirato la disciplina di chi corre. Io schiatto dopo 5 metri. Certo che dopo una corsa così ci vuole un bel piatto sostanzioso.
    Adoro questi sformati coccolosi
    Ciao
    Alex

    RispondiElimina
  22. Caspita, quanti commenti!!! Che bello oggi avevo davvero bisogno di positività e i vostri messaggi mi riempono di gioia!
    Vi ringrazio tutti, di cuore e vi mando un grosso bacio grande
    PS antonietta, la weazel è il mio moroso :D

    RispondiElimina
  23. Fra, ma che brava sei!!!! Te lo dice una che ogni tanto viene colpita da raptus di sportività acuta ma che, ahimè, passano in un lampo:(
    Complimenti!!
    Lo sformato deve essere un'ottima ricompensa dopo lo sforzo;)

    RispondiElimina
  24. la weazel ti vuole tanto tanto bene ehehehe
    io te ne voglio di più però perchè metto questo nella wishlist, tzè

    RispondiElimina
  25. Fra ma sai che anche un mio amico che viene in palestra con me ha partecipato a quella corsa? Mi pare si chiami la sette colli o roba del genere... Complimenti, anch'io amo correre, ma con quel freddo non ce l'avrei mai fatta!
    Bellissimo questo sformato, avevo notato anch'io la ricetta su sale & pepe, lo voglio provare!!!
    Un abbraccio e buona giornata!

    RispondiElimina
  26. no, io non ce la potevo proprio fare, ma ti ammiro così tanto... bellissimo anche il racconto, mi hai fatto venir voglia di andare a fare un giro da quelle parti... grazie anche per la ricetta...

    RispondiElimina
  27. ah però!!! complimenti tesoro! hai tutta la mia ammirazione perchè io proprio non ci riesco... pensa che ho addestrato un ginocchio a farmi male dopo 500 mt proprio per darmi l'alibi ah ah ah
    fantastico lo sformato.. poi sono in fase broccolosa in questo periodo quindi lo desidero ancora di più! :)
    baciiiiiiiii (tanti tanti)

    RispondiElimina
  28. E questa volta non sono proprio riuscita a far caso alla ricetta....la mia testa e' li' conte, a correre tra i colli bolognesi.... :)))

    Quella sensazione di legerezza di cui parli...non sai come mi rende felice (e qanto mi manca, sgrunt, non corro da tanto tempo!)

    Un abbraccio :))

    RispondiElimina
  29. :) io non ce la farei mai, ti stimo (entrambe le cose: ricetta + gara)!

    abbraccio
    gio

    RispondiElimina

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs