lunedì 1 giugno 2009

Se Paoletta chiama...

Ci sono diversi modi per apprendere. Prima di aprire questo piccolo spazio virtuale tutto ciò che sapevo di cucina, ricette, cibo lo avevo imparato osservando mia nonna e mio papà. Studiavo i loro gesti. Quelli ormai collaudati della nonna, frutto dell'esperienza e della tradizione. Una ritualità immutata e immutabile, fatta di sfoglie tirate a mattarello e pentoloni di ragù fumante, cotto per ore sul fornello. Un'eredità di profumi e sapori pieni e rotondi, profondamente legati alla gastronomia emiliana. Da papà, invece, ho imparato l'arte del riciclo, dell'abbinamento di sapori. Lui, di origine campana, ha sempre avuto il dono di aprire il frigorifero e creare, con quello che trovava, piatti invitanti e appetitosi.
Aprire questo blog mi ha dato la possibilità di conoscere nuovi maestri. Persone che condividono la mia stessa passione e a cui vi si dedicano con grande dedizione. Da loro ho imparato nuove tecniche, ho scoperto un amore smisurato per le spezie e la cucina etnica e mi sono ritrovata a fare ricette che una volta ritenevo troppo complesse. Mi sono lasciata affascinare dal magico mondo dei lievitati e ho scoperto l'enorme soddisfazione che si prova vedendo il pane crescere in forno. Curiosare nei loro blog mi sprona ogni giorno a migliorare, a cercare di scegliere accuratamente ciò che compro nel rispetto della stagionalità e della qualità delle materie prime.
Alcuni giorni fa Paoletta ha postato questi fantastici frollini, riflettendo sul fatto che l'impasto avrebbe potuto essere utilizzato anche come base di una crostata. Paoletta è veramente bravissima e da lei ho imparato tantissimi trucchi sull'arte della panificazione. E così ho pensato che sarebbe stato carino dedicarle queste

CROSTATINE ALLA PESCA

IMG_4059

Ingredienti per 5 crostatine: 250 gr di farina 00/ 7 gr di lievito per dolci/ 50 gr di burro/ 50 gr di zucchero a velo/ un cucchiaino di semi di vaniglia/ 100 ml di latte

Setacciate la farina con il lievito e un pizzico di sale. Aggiungete il burro tagliato a dadini e sfregate il composto tra le mani fino a ottenere delle briciole. Aggiungete lo zucchero a velo setacciato e i semi di vaniglia, mescolate e aggiungete il latte. Lavorate l'impasto per circa 7/8 minuti, formate una palla, avvolgetela nella pellicola e riponetela in frigorifero.
Nel frattempo sbucciate e tagliate a spicchi sottili 3 piccole pesche. Disponetele in un piatto e copritele con due cucchiai di porto e un cucchiaio di zucchero di canna. Lasciatele riposare per circa 10 minuti
Riprendete la pasta, stendetela piuttosto sottile e rivestite gli stampi da crostatina precedentemente imburrati. Frullate 50 gr di mandorle pelate con un cucchiaio di zucchero e ricoprite il fondo delle crostatine con la granella ottenuta. Disponete gli spicchi di pesca a ventaglio e infornate in forno già caldo a 180° per circa 10/12 minuti (la pasta deve appena colorire).

Il risultato è stato molto piacevole. La consistenza è più biscottosa e meno friabile rispetto alla classica frolla, ma questa consistenza è ben bilanciata dal ripieno piuttosto umido. Grazie Paoletta, sei sempre fenomenale!

29 commenti:

  1. pur avendo avuto anch'io una nonna emiliana gran tiratrice di sfoglie, purtroppo da lei non ho imparato nulla. quel che so fare in cucina l'ho imparato dalle riviste e dai libri.
    ora sto scoprendo il meraviglioso mondo dei vostri blog e anch'io mi sto mettendo piano piano a sperimentare cose nuove che una volta ritenevo difficili o lontane da me e spero un giorno di mettermi a fare i lievitati belli e buoni come i vostri!

    RispondiElimina
  2. ehi che belle.
    ho letto il tuo commento da paoletta, mi sa di prossimo tormentone :))

    RispondiElimina
  3. ps ieri notte in pronto soccorso con un attacco di appendicite.
    piove sul bagnato.

    RispondiElimina
  4. Assolutamente meravigliose...
    Sembrano uscite da una rivista!
    Hanno quell'aria "perfettamente imperfetta" che le rende speciali...
    Ti auguro una buona settimana!

    RispondiElimina
  5. Se serve un assaggiatore...io sono disponibile :D

    RispondiElimina
  6. Fraaaaaa sono bellissimeeeeeeeeeeee! Spettacolooooo! Brava brava brava!

    RispondiElimina
  7. hai ragione: sembra una frolla perfetta per il ripieno di frutta che hai usato!

    RispondiElimina
  8. Grazie a te ho scoperto il delizioso blog di Paoletta che non conoscevo. Complimenti per queste crostatine! Cat

    RispondiElimina
  9. Penso che quel che hai imparato solo guardando le loro mani, sia un patrimonio immenso, non paragonabile a quello in rete, per quanto ci possa piacere :)
    Sono contenta del tuo esperimento, d'altro canto Diletta lo aveva detto, una frolla leggera! Ora non mi resta che provarla, specie se mi dici che rimane croccante!

    RispondiElimina
  10. Già avevo ammirato i frollini di Paoletta... ora resto incantata dalle tue crostatine. Brave tutte e due :)

    RispondiElimina
  11. Regalo graditissimo per Paoletta :)

    Una delle cose belle dall'amicizia, anche via web, è poter imparare nuovi orizzonti.
    :)
    gio

    RispondiElimina
  12. ma che belle e buone che sono!!

    RispondiElimina
  13. Buoneeeeeee!!!!!
    Se apri una pasticceria, sarò la tua prima cliente.

    RispondiElimina
  14. Ciao Fra, avevo visto anch'io questi biscotti leggeri e la tua idea di trasformarli in crostatine mi sembra che abbia avuto un grande successo! un bacino alla mia fra....sperando che domani passi questa pioggia e torni il sole !!!!
    a presto Pippi

    RispondiElimina
  15. Hai perfettamente ragione.
    Non si cessa mai di imparare e apprendere cose nuove dall'esperienza altrui : trucchi, tecniche di base perchè alcune ricette richiedono delle partenze giuste..
    E le tue crostatine, perfette, sono una chiara dimostrazione!!
    Compliments

    RispondiElimina
  16. Ed io sono contenta tu abbia apertoil tuo bel blog, mi ha peresso di scoprire una personcina davvero interessante!Ed una cuoca coi fiocchi!Bacione:)

    RispondiElimina
  17. ma brava...hai saputo reinventare alla grande, impari alla svelta, bacione!

    RispondiElimina
  18. Non avevo mica letto l'ultima frase, dedicate a me? sono commossa, ti ringrazio tanto :))

    RispondiElimina
  19. la versione crostata mi convince di più...quasi quasi...oggi ho fatto la marmellata di ciliegie e sto pensando a come usarla! Poi è così leggera, niente uova poco burro...

    RispondiElimina
  20. Capisco di cosa parli :)
    Io vengo chiamata spesso da Paoletta e dalla sue ricette :D
    Per me è stata una grande maestra e tutte le volte che decido di provare una sua ricetta e di mettere in atto i suoi consigli so di andare sempre sul sicuro!
    Complimenti le tue crostatine sono bellissime!

    RispondiElimina
  21. Paoletta è proprio unica!!!! Se non ci fosse la dovremmo inventare :-) Comunque complimenti perchè queste crostatine ti sono venute proprio benissimo! Un abbraccio Laura

    RispondiElimina
  22. Fattaaaaaa!Si è più "biscottosa" ma mi pare un buon compromesso tra le frolle vere e quelle senza burro. Qui ha casa è piaciuta tantissimo! Appena posto la marmellata di ciliegie metto un link ;)

    RispondiElimina
  23. @lise.charmel:l'importante è provarci, all'inizio i risultati non saranno proprio perfetti ma poi si acquista manualità e occhio e si riescono a fare cose che prima si ritenevano impossibili ;D

    @enza: un tormentone davvero goloso!

    @carolina: grazie che bel complimento, buona settimana anche a te

    @baol: allora ti tengo presente come cavia personale :D

    @lagolosastra:grazie!!!

    @giò: è venuto fuori prorpio un bel contrasto di consistenze!

    @cat: paoletta è una maga e poi fa delle foto stupende!

    @paoletta: grazie a te per essere una delle mie muse preferite ;D

    @cielomiomarito: grazie ;D

    @gio: sono perfettamente d'accordo, sto incontrando persone davvero fantastiche e con cui sto sviluppando la mia passione

    @mirtilla: grazie!

    @franz: magari ci riuscissi, è uno dei miei sogni...se ci riesco sarai una delle prime persone a saperlo :D

    @pippi: grazie tesoro ;D...e oggi splende anche il sole

    @grazia: è bellissimo imparare sempre ricette e trucchi nuovi...mantiene viva la curiosità!

    @saretta: grazie tesoro anche io sono davvero contenta di averti conosciuto

    @astro: grazie ;D

    @fiordilatte: non vedo l'ora di leggere il post!!!!!

    @marjlet: grazie! effettivamente paoletta è una sicurezza e poi le sue ricette sono sempre descritte alla perfezione

    @laura: grazie e mille!!!

    RispondiElimina
  24. Se passi da me c'è un premio/meme per te :)

    RispondiElimina
  25. mhmmm! Che buone, mi fanno venire una fame! Me ne spedisci una? ;-)

    RispondiElimina
  26. Uhhh...non dirlo a me! Praticamente ho un quaderno con tutte le sue ricette appuntate, un mito!
    Le tue crostatine sono deliziose

    RispondiElimina
  27. Anch'io quel che so fare l'ho imparato leggendo riviste, libri e ...blog, sono una fonte infinita d'ispirazione! La tua tortina è stupenda, purtroppo non ci sono ancora le pesche qui (tranne quelle che vengono dal Cile...)

    RispondiElimina
  28. Ops ho scritto "a casa" con un h di troppo :P
    ma uff perché blogspot non mi fa modificare il messaggio??? uff
    Così imparo a non rileggere ciò che scrivo :P

    A presto per la marmellata di ciliegie e cioccolato! ^__^

    RispondiElimina
  29. Madonna che bontà!
    Questo è esattamente il tipo di dolce per cui farei follie.
    Le provo al più presto,
    m.

    RispondiElimina

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs