venerdì 16 ottobre 2009

World Bread Day

Per me entrare in panetteria è sempre stata una gioia. Quel profumo inconfondibile e avvolgente ha il potere di rasserenarmi. Ricordo che quando il sabato mattina andavo a fare la spesa con i miei genitori il momento più bello era la fermata al panificio, quelle forme ancora calde e fragranti, la crosta che si spezzava con un suono inconfondibile, le dita che scavavano la mollica così morbida che si scioglieva in bocca, lasciando un retrogusto stupendamente zuccherino. Il rischio di arrivare a casa con il sacchetto praticamente vuoto era altissimo.
Adesso da qualche tempo ho scoperto il piacere di fare il pane in casa. Questo è stato il dono più bello che questo mio salotto virtuale mi ha regalato. Incantata dalla maestria di alcune di voi, dai vostri tentativi ed esperimenti, mi sono lasciata travolgere dalla magia di avere "le mani in pasta". Poi un giorno, dentro un pacchettino spedito dalla dolcissima Anto, è arrivata LEI. La pasta madre, un blobbino vispo e arzillo, e bisognoso di cure. Da quel momento la mia curiosità è a dir poco lievitata :D e ormai rinfreschi e panificazione sono diventati riti settimanali che hanno coinvolto persino la weazel. E non c'è momento più bello di quello in cui incollata al vetro del forno osservo il mio nuovo pane crescere, chiedendomi se l'interno sarà sufficientemente alveolato e la superficie abbastanza croccante.
E' proprio per questa sensazione di creare ogni volta qualche cosa di nuovo e irripetibile che oggi sono molto felice di partecipare al

world bread day 2009 - yes we bake.(last day of sumbission october 17)

FOUGASSE

IMG_5284

Ingredienti: 400 gr di farina manitoba + 100 di farina 0/ 300 ml di acqua tiepida/ 200 gr di pasta madre rinfrescata/ 1 cucchiaio abbondante di miele di castagno/ 1 cucchiaino di sale/ olio di oliva qb

In una ciotola formate la fontana con le farine. Sciogliete la pasta madre in circa metà dell'acqua e versate il tutto nel centro della fontana. Incorporate la farina al liquido con un cucchiaio inizialmente, poi iniziate a impastare a mano versando lentamente l'acqua rimanente. Aggiungete anche il miele e quando l'impasto ha già preso una certa trama unite anche il sale. Continuate a impastare per circa 15 min. Inizialmente il composto risulta abbastanza colloso, ma non aggiungete altra farina, impastando diventerà sempre più elastico e meno appiccicoso.
Ungete abbondantemente con l'olio di oliva una ciotola, date la forma di una palla all'impasto, trasferitelo all'interno della ciotola, coprite con la pellicola da cucina e mettete a lievitare fino al raddoppio in un luogo tiepido (ci vorranno almeno 3 ore).
Trascorso questo tempo, mettete l'impasto sul piano di lavoro leggermente infarinato e lavoratelo energicamente, in modo da sgonfiarlo bene. Foderate due leccarde di carta forno e infarinatele bene. Dividete in due l'impasto e allargate con le mani entrambe i pezzi fino a ottenere due dischi oblunghi. Con un coltello affilato incideteli in modo da replicare le venature di una foglia (io ho seguito questo tutorial).


Spolverate la superfice delle fougasse con della semola, coprite con un panno e lasciate lievitare ancora per circa 1 ora e mezza.
Preriscaldate il forno a 220°. Trascorso il tempo di lievitazione, spennellate le fougasse con l'olio d'oliva e insaporitele con i semi o gli odori che preferite (io ho usato i semi di papavero, ma vanno altrettanto bene quelli di sesamo o degli aghi di rosmarino tritati).
Infornate le fougasse e cuocete per circa 20 minuti, devono dorarsi leggermente.

Risulta un pane molto croccante fuori ma con un interno morbido e dall'aspetto molto scenografico. Non si conserva a lungo, ma riscaldandolo in forno riacquista parte della sua fragranza. La ricetta l'ho sicuramente trovata su un blog ma non ricordo quale; se il legittimo propietario dovesse riconoscerla me lo dica, sarò felicissima di indicare il link

28 commenti:

  1. E' semplicemenmte splendida! E' proprio una bella sensazione quella di creare qualcosa di incredibilmente buono come il pane da ingredienti così semplici!

    RispondiElimina
  2. Mi piace molto l'idea di introdurre il video così si capisce per benino di cosa di parla! Brava!

    RispondiElimina
  3. FAVOLOSA!!
    anche per me andare in panetteria anche solo per sentire i profumi è un'esperienza che rimanda all'infanzia

    RispondiElimina
  4. Strepitosa, addirittura con la pasta madre. Questo pane ci rasserena' si' :-)

    RispondiElimina
  5. bella bella bella visto che sto andando a nanna farò dei bei sogni.
    me la ricordo in francia, ma era intrisa di acqua di fior d'arancio e abbastanza burrosa ma si sa i ricordi vengono irrimediabilmente distorti se si è in viaggio di nozze

    RispondiElimina
  6. ma quanto sei brava???? ma quanto è bella? ma quanto mi piace venire a trovarti???? :-)

    RispondiElimina
  7. Che dire, meravigliosa!! Io ancora non mi sono data a queste preparazioni, detto tra me e te...mi spaventano!!!! Ti faccio tutti i miei complimenti Fra!!

    RispondiElimina
  8. Ma che meraviglia Fra ,io sono anni che ammiro la Fugassa ma non ho mica il coraggio di provare a farla,di sicuro mi si chiuderebbero i buchi :))
    Un bacio

    RispondiElimina
  9. La Fugasse, da tempo mi dico di provarla, poi desisto. È bellissima la tua. Dai Lory, proviamo?

    Baci
    Alex

    RispondiElimina
  10. Ma quanto sei brava!!! Quando gli impasti cominciano ad appiccicare in genere mi scoraggio e combino un pasticcio, ma la voglia di provare c'è... :)

    RispondiElimina
  11. Che buona la fougasse,quando ero piccola al mare in Provenza,quando tornavamo a csa x pranzo dopo la mattina in spiaggia,compravamo sempre una fougasse alle olive,che noi bambini divoravamo in macchina nel tragitto..buonissimo!
    :)
    buon weekend cara Fra!
    Daniela

    RispondiElimina
  12. La pasta madre con me non avrebbe vita lunga, purtroppo. Sei stata bravissima!
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  13. è fantastica, la devo provare !!! ciao !

    RispondiElimina
  14. La mia pasta madre cresce... sono arrivata al mio quarto rinfresco... Tra pochissimo sarà pronta per "panificare"...
    Grazie ancora cara Fra'... sei stata tu la prima ad inspirarmi.. con le tue bellissime ricette che non vedo l'ora di realizzare...
    Ti auguro un fantastico fine settimana..
    ti abbraccio

    RispondiElimina
  15. Sei contagiosa: la narrazione del tuo "avventurarti" nel mondo della panificazione è entusiasmante :))
    Ho riletto i tuoi ultimi post ed in particolare mi ha colpito quello dedicato alla Kallah, ricetta e presentazione.
    Buon WE

    RispondiElimina
  16. E' un pane bellissimo, e presentarlo in tavola fa certo un figurone.
    E poi basta poco per variarlo in mille modi.
    Grazie per la bellissima ricetta.
    Alberto

    RispondiElimina
  17. Certamente saporito questo pane con il miele di castagno! Croccante fuori e fragrante all'iterno ci piace moltissimo.
    baci baci

    RispondiElimina
  18. Ma tu lo immagini quanto sono contenta ad ogni tuo post dove c'è protagonista la pasta madre?
    proprio come se fossi realmente la nonnina :D
    Questa ricetta è favolosa e non conoscevo questa preparazione.....te la copierò al più presto ;)
    Un bacio grande grande

    RispondiElimina
  19. Fra, rimango incanata ogni dolta di fronte alle tue creazioni panose..sei eccezionale!
    Bacione

    RispondiElimina
  20. Hai ragione, panificare dà una soddisfazione immensa... anche se io spesso prendo la scorciatoia della macchina del pane, ne traggo ugualmente grande appagamento, perché è bellissimo crearsi da soli il tipo di pane di cui si ha voglia in quel momento. NB: sei stata bravissima a dare la forma alla tua fougasse!

    RispondiElimina
  21. @iana: sì è in assoluto la cosa che mi dà più soddisfazione e nella quale forse metto più impegno

    @elga: grazie credo che in alcuni procedimenti i video siano una vera e propria benedizione :)

    @giò: grazie!! :D

    @dada: ormai da quando antonella me l'ha regalata cerco di utilizzarla sempre, anche perchè il pane ha un sapore davvero diverso

    @enza: no no non ti sbagli da quello che ho letto in giro ne esiste una versione dolce profumata proprio all'arancia

    @babs: e io adoro i tuoi commenti, mi fanno sempre inorgoglire :D

    @sally: un consiglio...lanciati...magari le prime volte i risultati saranno un po' deludenti ma poi la soddisfazione è enorme :)

    @lory e alex: noooo dovete provarci vi assicuro che è davvero facile da fare e poi ha un aspetto stupendo

    @cielomiomarito: io all'inizio aggiungevo un sacco di farina e poi il pane mi veniva duro come il marmo...ma piano piano a forza di errori si comincia a capire quando basta avere un po' di pazienza e continuare a impastare e quando occorre realmente aggiungere la farina ;)

    @mestolo e paiolo: guarda è un esserino con un grande istinto di sopravvivenza :D

    @fairy: grazie e se la provi dimmi come ti è venuta ;)

    @chiara: tu non sai quanto sia emozionata...non vedo davvero l'ora che il blobbino sia pronto :)

    @lenny: grazie tesoro

    @albertone: si infatti si presta a essere aromatizzato in numerossimi modi...girando in internet si trovano anche delle versioni ripiene

    @manu e silvia: io l'ho trovato davvero molto gustoso, un pane molto molto buono

    @mirtilla: grazie!!!

    @anto: io tutte le volte che panifico penso a quanto tu sia stata meravigliosa...mi hai permesso di scoprire un "mondo" favoloso. Se provi a farla dimmi se ti è piaciuta ;)

    @saretta: grazie tesoro, un bacione a te

    @onde99: a volte impastare a mano è molto rilassante...ma l'aiuto di un impastatrice sarebbe gradito anche da queste parti :) ...mi sto informando per il motore di ricerca a sfondo nero, ma non ho ancora ben capito come funzioni :-/

    RispondiElimina
  22. Ciao!!!
    Ho lanciato il mio primo contest, se ti va di partecipare, vieni a dare una sbirciatina!!

    RispondiElimina
  23. mi stavo perdendo questo splendore, Fra!!!
    Avevo ammirato la fougasse d Virginia, ed ora ne resto nuovamente incantata...

    Ieri ho ripanificato (per non essere costretta a comprare il pane dal super, qui di panifici non ce'e' neanche l'ombra) anche se io resto fedele al lievito di birra :P
    Sempre chapeau con inchino a chi come te si prende cura della creatra nel frigo!!! Un bacio :)

    RispondiElimina
  24. questa fougasse con la pasta madre è la fine del mondo.... assolutamente da provare, io l'avevo fatta ma con il lievito! non solo ma la tua è assolutamente più bella! ;) o forse dovrei piuttosto dire ~x(?

    RispondiElimina
  25. una fougasse perfetta! Grazie per la tua partecipazione al World Bread Day 2009. Yes you baked! :-)

    RispondiElimina
  26. mi piace tantissimo questa ricetta per il WBD!!!
    .. e oggi ho comprato il pacco nuovo di manitoba!!!! ;)

    RispondiElimina

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs