domenica 18 maggio 2008

Thai Style

La Muay thai è una disciplina antica. Usata dai militari tailandesi come difesa qualora avessero perso le armi durante la battaglia, si basa su alcune figure base chiamate me mai. La storia della sua origine è un insieme di realtà e leggenda ed è indissolubilmente legata ad alcuni personaggi chiave. Fra questi il più famoso è Re Tigre, Pra Chao Sua. Si racconta che durante il suo regno, agli inizi del '700, questo sovrano si recasse nei villaggi sotto false spoglie per trovare combattenti da affrontare e misurare così le sue capacità. Dal 1500 la Muay Thai si diffuse come sport da combattimento. le regole erano inesistenti, non vi erano categorie di peso limiti di tempo . L'incontro terminava quando uno dei due contendenti non perdeva i sensi o non dichiarava la propria sconfitta.
La prima volta che ho sentito parlare di Muay Thai avevo appena smesso di giocare a tennis. Non trovavo uno sport che mi soddisfacesse e saltellavo da una palestra all'altra annoiandomi mortalmente fra corsi di step e sala pesi. Poi un giorno ho deciso di provare un arte marziale e la scelta, veramente casuale, è ricaduta sulla muay thai. Ed è stato amore a prima vista, anzi a primo calcio! In questi sei anni di pratica sono diventata allenatrice, ho imparato ad amare la fatica e la dedizione, ma soprattutto ho trovato una famiglia. I ragazzi della mia scuola e il mio maestro rappresentano una parte importante della mia vita, sono i miei fratelli e le mie sorelle. Fra questi c'è anche un ragazzo tailandese: Ken. Ogni anno la sua mamma, Manì, organizza per la comunità thai di Bologna alcune feste tradizionali e oltre alla cena le serate prevedono danze e rappresentazioni di muay thai. Così ieri sera, armata di macchina fotografica, ho assistito a questa colorata manifestazione


Si inizia con la cena. Manì cucina ininterrottamente per due giorni, arriva al circolo dove si tiene la festa sei ore prima con enormi scatoloni di polistirolo e pignatte piene di ogni ben di dio. Ovviamente riso e zuppe la fanno da padrone. Tutto è piuttosto piccante, ma veramente squisito! Il mio piatto preferito è un mix di crostacei cotti con sedano carota e peperoni, leggermente agrodolce.





Poi mentre gli ospiti stanno ancora assaporando le prime portate inizia lo spettacolo. Il Ramuay è la danza dedicata al maestro. Un rituale antico in onore di chi ti ha concesso l'onore di imparare, di colui che ti ha trasmesso le proprie conoscenze. Il suono del pi-nai accompagna i movimenti, creando un momento ipnotico ed emozionante.

Il ramuay ha anche la funzione di purificare il "ring", scacciare gli spiriti malvagi e chiedere la protezione degli antenati. Dopodiché inizia il combattimento vero e proprio. Ken e Andrea si esibiscono ogni anno in combinazioni sempre più spettacolari! E' veramente divertente assistere a questa coreografia fatta di calci, pugni gomitate e mosse da veri e propri stunt men.

Serata splendida...unico rimpianto: Manì era troppo presa dai suoi ospiti e dall'organizzazione e anche questa volta non sono riuscita a carpirle nessuna ricetta....Ma la prossima volta non me la lascio certo scappare!

15 commenti:

  1. che blog delizioso,originale e pieno di info utilissimE!!
    mi sono divertita molto a leggerlo

    RispondiElimina
  2. bellissima questa cosa che hai raccontato... io di sport non so nulla ma una disciplina così mi ha sempre attratto! grazie!
    e poi... il cibo sembra ottimissimo!
    sara

    RispondiElimina
  3. Anche a me piacciono le arti marziali, dove il valore del risultato dipende da una grande carica che ti dai al tuo spirito, alla forza mentale,alla concentrazione, una disciplina di se stessi.

    Aspettiamo le ricette...le altre culture sono sempre interessanti e conoscerle ci arricchisce...^_^

    RispondiElimina
  4. Tesoro buongiorno!! Che bella serata che hai passata e che bellissime foto.
    mi fa molto piacere che ti sei divertita tanto.
    Quei piattini mi sembra moltoooo appetitosi eh! :-D
    Un beso
    Silvia

    RispondiElimina
  5. @mirtilla: grazie e mille per i complimenti, spero di "rivederti" presto. Un bacio :)

    @sara e mariluna: la muay thai è veramente una bella disciplina, molto completa. Impari a lavorare su te stesso sia dal punto di vista fisico che mentale. Per le ricette...torchierò Manì

    @silvia: i piattini erano moooolto gustosi ;)

    RispondiElimina
  6. Che bel racconto.. prossima volta vediamo di rubare qualche ricettina alla tua amica eh? Devono esser deliziose!
    smack

    RispondiElimina
  7. arrivo dal blig di Mariluna e leggendo il tuo profilo mi è scappato un sorriso. Un arietina pessimista in effetti non è una roba facile da incontrare. Ma poi se uno, una è pessimista a 26 anni, a 40 cheffà? :))

    RispondiElimina
  8. Bella la festa :)))
    Adesso, però, devi imparare qualche ricetta così ti sfruttiamo in ufficio.
    ("A fag tut mi" è qui a sparare la sua onniscenza, amen)

    RispondiElimina
  9. Condivido la tua passione ed i tuoi principi sulle arti marziali, avendone praticata una per molti anni. Resto in attesa delle ricette. Buon inizio settimana.
    Stefano

    RispondiElimina
  10. veramente interessante!
    Arrivo via Alexs di cuoche dell'altromondo, complimenti per il blog!!!

    comidademama

    RispondiElimina
  11. Fra!!! sei piena di sorprese!! bellissima festa! e che interessanti notizie ci hai dato io non la conoscevo questa disciplina marziale ....... grazie e belle anche le foto!
    un bacione Pippi

    RispondiElimina
  12. @ sere: non temere la prossima volta che incontro manì la stresserò fino a che non mi fornisce almeno una ricetta!!!

    @ fiordisale: eh purtroppo esistiamo anche noi ;) Penso che a 40 anni sarò pessimista come ora, forse un tantiniccino più stressata! MA sempre dura di testa

    @ gio:potrei scatenarle dietro ken :)))

    @ stefano: grazie anche a te :)

    @ comidademama: grazie di cuore, sono molto felice che il mio blogghino ti sia piaciuto :)

    @ pippi: grazie a te sei sempre dolcissima...davvero...fai bene all'umore :)

    RispondiElimina
  13. che bella questa cosa..ora so una cosa in più di te..un'altra cosa magica...le discipline orientali mi affascinano parecchio, anche se viaggiando continuamente, non posso mai iscrivermi da nessuna parte: io corro e basta..non corro tanto da sembrare forrest gump, ma corricchio...mmm..sei fortunata..un abbraccio. lety

    RispondiElimina
  14. Bellissima spiegazione di una disciplina così interessante,io adoro la cucina thai e preparo spesso i loro piatti.
    La foto 2 è bellissima,colori splendidi!

    RispondiElimina

LinkWithin Related Stories Widget for Blogs